Basic instinct

novembre 9, 2007

tubo_lil.jpgOra sono proprio sicuro: Walter Veltroni non lo ferma nessuno, sarà presidente di tutto. Sapete da dove nasce la mia certezza? Dall’appoggio incondizionato che gli ha offerto Afef Jnifen, moglie di Tronchetti Provera. L’affascinante signora, in una colonna de La Stampa, ha scritto che Walter «ha un modo di parlare molto bello, chiaro, deciso, smentendo chi lo critica di non prendere posizione in modo netto». Fin qui il tifo. Ma ha aggiunto che il neo leader del Pd ha il caldo sostegno di Sharon Stone. L’attrice di Basic Instinct – esperta di sentimenti e pulsioni – dopo aver pranzato in Campidoglio con l’uomo dell’avvenire ha dichiarato: «I love him». Con questa sensualissima spinta, chi lo ferma più? Veltroni dovrebbe semmai temere la satira (?) dell’inserto dell’Unità. Titolo in alto: «Via da questa Italia di merda». E sotto: «Seguendo Veltroni, tutti in Africa». (P.M.F.)


I fremiti di Oliver

ottobre 29, 2007

tubo_lil.jpgChissà che fremito avrà Oliviero Diliberto (Comunisti italiani) quando s’affaccerà sulla Piazza Rossa in occasione delle celebrazioni della Rivoluzione d’ottobre. Ha già detto:«Quella rivoluzione ha novant’anni ma non li dimostra». Alla faccia di quel che ne è seguito. Lo bacchetta la stessa Unità: «Li dimostra tutti, eccome! Intanto perché se quel mondo si è sbriciolato così, qualche problemino doveva pur esserci all’inizio». Questo non è revisionismo, è minimalismo puro. Dire «problemino» fa solo ridere. Il giornale del neo Pd ricorda «il partito giacobino», ovvero staliniano, e «i crimini di massa». Per poi invitare i compagni di Diliberto a rivedere il loro «comunismo». Ma non finisce qui. L’Unità avverte che c’è un «revisionismo cattivo». Quello di Giampaolo Pansa che rivela i misfatti della Resistenza. Così, tanto per tirar cazzotti a qualcun’altro. . (P.M.F)


Riecco quel conformista di Moravia

ottobre 15, 2007

tubo_lil.jpgPuò piacere o non piacere, quel che è certo è che Alberto Moravia era furbo e ben sapeva che il suo successo, letterario, giornalistico e anche mondano, dipendeva dalla sua adesione alla sinistra. La quale, per molto tempo, conferiva un certificato di garanzia alle opere d’ingegno. Tra poco esce un suo romanzo inedito, e incompleto, che narra i tormenti di un uomo che abbraccia il comunismo, «l’unica religione possibile per gli intellettuali». Con il Conformista Moravia sollevò polemiche, alcune sgradevoli: il romanzo esaminava dell’adesione al fascismo. L’inedito, intitolato I due amici, scandaglia l’antropologia rossa. Che Moravia si fosse defilato dalla sfida editoriale per la sua buona dose di furbizia? Lo so, sono malizioso. Ma non dimentichiamo che a quei tempi essere scomodo alla nomenklatura comunista significava l’esilio intellettuale. (P.M.F.)


Valentino ridens

ottobre 11, 2007

tubo_lil.jpgPrendersela con le notizie futili cui i giornali danno risalto è sbagliato. La storia è scritta anche dai clown, dai comici, dai sacerdoti del lusso. E a proposito di lusso, è inevitabile registrare la nuova retorica: è nelle passerelle di moda, è negli articoli che le giornaliste scrivono a ogni muover di penna di struzzo (pare sia ancora in voga). Se oggi uno stilista non s’ispira a qualcosa di nobile rischia d’essere definito sarto e basta. Quindi ci sono le donne con l’aura dell’Oriente, quelle battagliere come il Che, quelle finalmente più coperte (senza alcun riferimento all’Islam censorio). Retorica che s’accentua anno dopo anno, a sostenere, come una stecca dei bustini d’altri tempi, il significato di un abito. Ma di stoffa si tratta, senza alcuna implicazione metafisica. E invece no: il sorriso di Valentino “deve” somigliare a quello di Einstein.


Milano da buttare

ottobre 1, 2007

tubo_lil.jpgTorna il dibattito su quale città, tra Milano e Torino, corra più veloce sulla strada della civiltà e dell’innovazione. In questi giorni a Milano ci sono state due passerelle. Quella della moda, con polemiche su l’anoressia e certe croniste che inneggiano al garbo delle p.r. women, tutte cellulare le eroine del superfluo. Seconda passerella. In Viale Abruzzi(non periferica) monta la protesta degli abitanti contro i viados, leziosamente chiamati “cerbiatti”. Fino all’alba grida, sesso sulle auto, defecazioni e vetri rotti sui marciapiedi, coltellamenti, smercio di droga. La polizia è intervenuta con posti di blocco. Niente da fare. Un partigiano della supremazia meneghina parla di “Rinascimento”. Prima di ricorrere a paroloni, si tolga – please – la giacchetta dello stilista più in voga e cammini in strada, non solo sulla moquette.

[p.m.f.]


Noi “maschietti”

settembre 3, 2007

tubo_lil.jpgDoverosa premessa: sono uomo. E, come direbbe il commissario Montalbano, a volte ho “un carattere fituso”. I periodici femminili ormai hanno il vezzo di chiamare gli uomini “maschietti”. Mi pare “fitusamente” riduttivo, una vendetta lessicale del femminismo gravido di ripicca, ora che le rubriche sono in gran parte appaltate a donne. La scrittrice Silvia Ballestra fa le sue considerazioni sulla Norvegia, paese che corre ai ripari dopo aver scoperto che oggi sono i “maschietti” ad essere come un tempo lo erano le femminucce, cioè indietro in tutto. La Ballestra non riesce a contenere la soddisfazione, sia pure con quell’ipocrisia diplomatica che sostituisce l’ironia (merce rara). Suvvia, i maschietti facciano i signori: evitino parole come “veline” o “fighette”. No alle tentazioni!

P.M.F.


La logica della pizza

agosto 26, 2007

tubo_lil.jpgDev’essere un’esperienza unica litigare prima di mettere su famiglia. Nel non nato Partito democratico l’ultima rissa riguarda Hugo Chavez, il leader venezuelano. Europa, quotidiano della Margherita, scrive che «il regime populista di Chavez ha chiuso alcuni giornali e sciolto il sindacato» . Liberazione, quotidiano di Rifondazione comunista, replica: «Nessuno si è accorto che il leader peruviano ha concesso l’impunità ai militari nella repressione delle manifestazioni». E qui la logica va a ramengo. È come se io dicessi a un amico: «Questa pizzeria è sporca». E lui: «E allora? Più avanti ce n’è un’altra dove sniffano coca». Obiezione alquanto bambinesca. Ma non ci fu qualcuno che definì il massimalismo «malattia infantile del socialismo»?

P.M.F.