I Simpson vanno a Springfield. Quella vera

marzo 15, 2007

Ci sono molti misteri insoluti nella storia dell’umanità. Di sicuro uno di quelli che rimarranno insoluti per più tempo è legato ai Simpsons. Dov’è Springfield? In quale stato si trova? Siamo lontani dal risolverlo, ma per l’uscita del nuovo film della famiglia più gialla del mondo, the Simspon Movie, si stanno facendo dei passi avanti, almeno in America. Si perchè verrà proiettato proprio a Spriengfield. Ma quale? 16 delle 32 città americane che portano quel nome sono state scelte per ospitare la premiere del film. Le altre 30 cittadine omonime sparse per il mondo dovranno restare a guardare. Chissà cosa penseranno nelle vicine Shelbyville

qui e qui ci sono un po’ di notizie in giro dalla rete


Per chi ha un televisore

marzo 7, 2007

direttoreOra in onda su rai3 il direttore Antonio Galdo ospite al programma di Augias


In Germania la tv apre all’Islam, ma agli imam non basta

marzo 1, 2007

ZdfWort zum Freitag, ovvero orazione del venerdì. Questo il titolo della nuova trasmissione dedicata alla religione islamica e prodotta dal secondo canale della televisione tedesca, la Zdf. Inizierà a maggio, ma sarà trasmessa soltanto su internet. Poi, in caso di successo, andrà anche via etere. La Germania è la nazione europea con il più alto numero di immigrati e di cittadini di origine turca, e la comunità islamica già da tempo reclamava un proprio spazio televisivo nel quale parlare ai propri fedeli. Ma non è ancora soddisfatta. Il segretario generale del Consiglio centrale islamico, Aiman Mazyek, vorrebbe, infatti, avere subito la parità con le chiese cristiane che da decenni hanno una loro trasmissione – Wort zum Sonntag, orazione della domenica – sul primo canale nazionale e non essere relegato «nell’ennesimo forum in cui dibattere sull’Islam». Il portavoce della causa musulmana mira a una trasmissione autogestita con la possibilità di scegliere autonomamente i conduttori. In realtà la Zdf li vuole scegliere tra gli imam più moderati e ha già optato per una doppia conduzione tedesco-musulmana. In lingua teutonica, ovviamente.

di Lorenzo Grossini dall’Indipendente del 1 marzo 2007

Le altre comunità religiose tedesche non stanno a guardare e vogliono anche loro prendere parte all’evangelizzazione televisiva. Il vicepresidente del Consiglio centrale ebraico, Salomon Korn, ha infatti proposto un appuntamento fisso per il sabato (il titolo proposto? Ovviamente “orazione del sabato”) ad hoc per i suoi fedeli o al limite uno per il week end in cui tutti gli esponenti dei principali culti nazionali possano esprimere i propri principi religiosi.
Wort zum Freitag rappresenta comunque una voce fuori dal coro nel panorama delle trasmissioni europee. Gli altri stati (Italia compresa) non hanno alcuna emissione ad hoc per il pubblico islamico. Paura dell’equazione “Islam+tv=proselitismo-terroristico-su-larga-scala”? Intanto sarebbe interessante sapere se nei paesi di lingua araba sia presente l’equivalente di “A sua immagine