Calcio-violento e capri espiatori

Italo CucciCi risiamo. Non appena le istituzioni – Stato compreso – faticano a imporre il rispetto delle norme e delle leggi esistenti, ecco che se ne inventano di nuove. Come questo “codice di autoregolamentazione delle trasmissioni di commento degli avvenimenti sportivi” elaborato da ben tre-ministri-tre. Evidentemente il calcio sollecita la fantasia dei politici creativi. Quando decidemmo di importare dall’Inghilterra le norme contro la violenza da stadio, fu come adottare un “bignamino” dei mastodontici codici nostrani nelle cui pagine – a ben vedere, e leggere – tutto è previsto, tutti i comportamenti illeciti sono enumerati, perseguibili e sanzionabili. Ma si sa: spesso si modificano riti antichi solo per far vedere che ci si rinnova. Eppure, quando si tratta del rispetto delle leggi, quando c’è in ballo la violenza, dovrebbe essere vietato fingere inflessibilità se poi non si è in grado di assicurarne l’applicazione. È un po’ quel che succede sulle strade d’Italia: davanti a tante vittime, si inaspriscono le sanzioni, ma poi ti capita di fare duecento chilometri senza incontrare una pattuglia. I giornalisti che hanno accolto con sommo gaudio questa “autoregolamentazione” dovrebbero, a dir poco, partecipare a qualche sessione d’esame professionale: lì, i candidati potrebbero – a richiesta – snocciolare tutte le regole che costituiscono la deontologia, e ce ne sarebbe abbastanza per garantire un uso corretto degli strumenti professionali detti anche semplicemente armi del mestiere. Il guaio è che il problema riguarda solo in piccolissima parte i veri addetti ai lavori, quelli con la “patente” rilasciata da un Ordine spesso distratto: se fosse attento, il massimo organo corporativo, perseguirebbe adeguatamente coloro che esercitano la professione abusivamente e che numerosi gonfiano l’etere di volgarità, di accenti violenti e – scusate – di analfabetismo. Questi, non sorretti da una specifica deontologia, continueranno a fare quel che vogliono e sanno, come gli è consentito da anni, arrivando fino all’istigazione a delinquere senza che le autorità competenti (si dice così), spesso interpreti del gioco delle tre scimmie, si diano la pena di intervenire. Ci vuole il morto – e il caso del povero agente Raciti è esemplare – perché si prendano provvedimenti, sempre tardivi, spesso ispirati dall’emozione del momento. Si è fatto un bel dire che la violenza negli stadi è – stando ai numeri più recenti – scemata; ci si è dimenticati di guardare gli spalti degli stadi, sempre più vuoti. Quando saranno deserti, la violenza sarà debellata. O trasferita. Certe organizzazioni di presunti tifosi che programmaticamente si battono contro le forze dell’ordine troveranno (li hanno già trovati) altri spazi nella vita sociale quotidiana per gridare «All Cops Are Bastard» e comportarsi di conseguenza. Le “trasmissioni di commento degli avvenimenti sportivi” seguono spesso un canone ben preciso, ovvero quella condotta adottata da molte emittenti anche paludate in tutti i campi, non solo quelli calcistici. Ed è – consentitemi – piuttosto vile citare sempre il Processo di Aldo Biscardi come esempio di malcostume televisivo e indicare il Rosso Antico come istigatore dei violenti, mentre non si ha il coraggio di colpire altri e più “impegnati” Bravi Presentatori dispensatori di qualificanti comparsate e di squisite perle di saggezza. In tivù è “trend”’ il trionfo dei forti che aggrediscono i deboli e si genuflettono davanti ai potenti; dei cosiddetti intellettuali che si azzuffano mostrando sentimenti – come l’invidia e l’intolleranza – molto più violenti di quelli esibiti in certe dispute pallonare dove la finzione è regina. Fiction (realtà romanzata) e reality (spettacolo della realtà) non sono solo generi televisivi di successo ma anche ingredienti primari di tanti popolari talk show (scusate gli anglicismi a ripetizione ma questo prevede il menu) spacciati come prodotti dell’informazione e dell’opinione. Ho visto schiaffeggiarsi e insultarsi critici letterari e mediatori politici. Ho visto intellettuali isterici o bonaccioni diventare riveriti maitre à penser. E l’urlo, l’urlo è la chiave di volta dell’audience. È capitato anche a me, molto tempo fa, di eccedere secondo istinto e moda. Poi, mi sono adeguato ai tempi: nel senso di abbassare i toni della parola a mano a mano che aumentava il rischio di influenzare i violenti o almeno di fornirgli un alibi. Questa è “autoregolamentazione” che risponde anche a una esigenza crescente dopo il festival del blabla confusionario e spettacolare: farsi capire. I fattacci che quotidianamente si registrano nel mondo dello sport lo esigono. Almeno dai giornalisti. Che non sono – come vorrebbe far ritenere la succitata riforma – di serie B perché sportivi. Si provino, i nostri legislatori, a imporre certe regole agli “altri”: si griderebbe all’attentato contro la libertà di stampa. Un consiglio ad uso della chiacchiera pallonara vorrei comunque darlo: usate con intelligenza la moviola che spesso diventa un’arma contundente o – come si è visto – uno strumento truffaldino. E smettete di leggere i debolissimi pensieri dei protagonisti quando affiorano sulle loro labbra. Moviolisti. Labialisti. Forse giornalisti?

Annunci

One Response to Calcio-violento e capri espiatori

  1. Gianni Arslan ha detto:

    Italo Cucci ci fa la predica alla maniera di Scalfari, che da trentacinque anni ci fa la sua predicozza uguale uguale nel fondo di Repubblica, ma Cucci da Scalfari non ha imparato nulla di giornalismo. Vediamo le sue perle preziose.

    1. Ce l’ha con la moviola, ed ora come la mette che anche il suo compagno Blatter lo ha abbandonato licenziando l’arbitro Rosetti ed i suoi due assistenti? Come spiegherà che è solo chi sbaglia che paga?

    2. In realtà la moviola gli serve per sfogare la sua avversione viscerale contro il Biscardi, paladino della moviola, insinuando con inusitata malizia che sotto sotto ci sia imbroglio, vocina cattiva e pettegola smentita alla grande. Biscardi ha tanti difetti, ma non ha mai istigato violenza, la sua trasmisisone è un gran sfogo da ciaciaroni che vuole evocare il clima di un buon bar di periferia con tifoserie opposte ma leali. Altro che violenza!

    3. Loda la giustizia sportiva, “bella e rapida”, ma non gli è mai venuto il sospetto che forse essa ha sbagliato tutto? Che la guerra all’Juventus (e ad altri) ha avuto come protagonista l’interista Rossi (Guido)?

    4. Ci fa la morale della violenza che ha provocato l’assassinio dle povero Raciti, e da giornalista dimentica due cose: che il Borrelli (designato dalla Fifa come poliziotto, quindi il “responsabile legale indiretto” ex l.231/2001 – ma Cucci conosce la legge?), ha dimenticato di chiedere scusa alla famiglia, alla polizia ed alla tifoseria onesta, e che è questa seriazione di omissioni ed impunità che scatena la sensazione di diffusa irresponsabilità.

    5. Ma la cosa più bella è il suo diliquio per Maradona, che diventa il più bravo di tutti: ma non è questa sua irresponsabilità civile da evasore fiscale nel Paese che lo ospita e l’ha fatto ricco che provoca pensieri di emulazione da parte di alcuni esaltati? E quindi, bene quanto all’esalatazione agiografica sue (residue) capacità umane, giusta l’informazione, ma potrebbe anche sbilanciarsi con l’insiniuaioncina che l’uomo non è uno stinco di santo. Aspettiamoci, se vincerà i mondiali, che diventi “persona onesta”

    Il giornalista è quello che ci informa su tutto, con meno supponenza ma, soprattutto, con più completezza

    Distintamente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: