Come dare una spallata (dopo le elezioni) in 2 mosse

GiornaleSe proprio Silvio Berlusconi ci tiene a dare una spallata dopo le elezioni amministrative, lo faccia immediatamente con due iniziative politiche. La prima con una forte mobilitazione dell’opinione pubblica: bisogna riaprire il Senato. La melina della maggioranza, consapevole dei rischi che corre ogni volta che si vota a palazzo Madama, ha superato i limiti di una fisiologica tecnica parlamentare e si sta trasformando in un vero esproprio del gioco democratico. Domani si riunisce l’ufficio di presidenza con i capigruppo del Senato (ma ha ancora un senso partecipare a questi incontri?) e, statene certi, il governo se la prenderà molto comoda sulle sedute che pure dovrebbero essere dedicate a temi importanti, come i disegni sulle unioni civili e sulla riforma dei servizi di sicurezza. A un anno dal giorno dell’insediamento del governo Prodi, si è scoperto che il Senato ha lavorato più di cento ore in meno rispetto alla precedente legislatura e non certo per la cattiva volontà dei componenti dell’assemblea. Ma non basta. Di leggi ,praticamente, non se ne sono viste a palazzo Madama, e fino a prova contraria il nostro è ancora un bicameralismo pieno. Così, invece, è truccato. Se la maggioranza fa il suo lavoro di melina, è venuto il momento per l’opposizione di tirare fuori gli artigli. E di scendere anche in piazza, per spiegare agli italiani che non si può governare il Paese con il trucco della chiusura di una delle due Camere. La seconda iniziativa è interna al centrodestra. Il voto alle amministrative è andato bene (si perde, o non si vince, dove la coalizione è spaccata), ed è impressionante l’onda elettorale che monta nelle regioni del Nord. Molto di più di una questione settentrionale: è un pezzo dell’Italia, il cuore della locomotiva economica, che ha ormai voltato le spalle all’Unione e a una maggioranza che predica la riduzione delle tasse e poi stanga i contribuenti, che annuncia riduzioni di imposta con la finanziaria e poi si riprende i soldi con gli interessi attraverso l’aumento dei prelievi degli enti locali. A questo punto il tempo stringe. E prima di impiccarsi a una formula per ricostruire l’alleanza di centrodestra, è opportuno sedersi attorno a un tavolo per discutere, punto per punto, una possibile agenda di lavoro. Sarebbe questa, e non il messianico annuncio di un terremoto elettorale, la vera spallata da dare al governo. Siamo sicuri, infatti, che partendo dai contenuti, da un possibile programma di coalizione, sarà più facile anche trovare la rotta giusta per dare una nuova architettura al campo dei moderati. E la prima mossa, per aprire il tavolo, tocca a chi, sulla base dei rapporti di forza, è ancora il leader dell’opposizione, cioè a Silvio Berlusconi. Faccia un passo, forte e chiaro: lo aspettano innanzitutto gli elettori.

Annunci

37 Responses to Come dare una spallata (dopo le elezioni) in 2 mosse

  1. Otimaster ha detto:

    Ci auguriamo tutti che lo faccia.

  2. Gurrado ha detto:

    Sottoscrivibilissimo, quindi sottoscrivo.

    G.

  3. nicknamemadero ha detto:

    Il centro-sinistra, sia al governo che fuori, è alle corde, incapace di agire od anche solo di elaborare un pensiero compiuto. Cerca solo di non cadere. Dunque la chiave di volta è a destra: se ci sarà la capacità di elaborare una minima strategia comune, senza che qualcuno si defili, cioè, in soldoni, se il centro-destra saprà ritrovarsi unito ora, la capitolazione di Prodi & Co. è inevitabile. Basterebbe un soffio, basta che sia da parte di tutta la CDL.

  4. Nilok ha detto:

    Se Berlusconi volesse davvero “dare una spallata”, dovrebbe cominciare a chiedere agli elettori di raggiungere il 51% alle prossime Politiche.
    Mi chiedo spesso, e senza risposta, come mai da dopo le maggioranze assolute ottenute dalla DC, non c’è stato più nessuno che abbia “osato tanto”.
    Alle volte mi illudo di credere che il discorso di Montezemolo, che tanto scalpore ha suscitato, nel suo passaggio riguardante “l’inesistenza di un -progetto paese-” intendesse proprio qualcosa di questo tipo: un partito che cerchi e raggiunga il 51% dei voti degli elettori.
    Sono pronto a scommettere che nella campagna elettorale delle prossime Politiche qualcuno ci farà un pensierino sopra a queste mie insignificanti parole.

  5. divilinux ha detto:

    abbiamo avuto 5 anni terribili con la casa delle liberta’ condizionate..e’ strana tutta questa voglia di tornare nel baratro dei 1000 euro al mese e delle leggi ad personam..

  6. SinistraSTOP ha detto:

    Nicknamemadero ha colto nel segno: Il governo prodi “CERCA SOLO DI NON CADERE”: è un affermazione sacrosanta; D’altra parte le poltrone sono comode. Sono dell’avviso che una persona realmente corretta e consapevole dei danni che può causare ad un paese questa inerzia, dovrebbe solo che andare dal capo dello stato e rassegnare le dimissioni.
    E vorrei ricordare una cosa ai sinistri; Ricordatevi che ogni giorno in più che governerà questa coalizione, per la sinistra sarà sempre peggio (continueranno a perdere consensi ovunque).
    Poi vorrei ricordare a Divilinux (sempre con le dovute maniere) che l’attaccarsi continuamente all’operato del governo Berlusconi (che, alla luce dei dati che stanno uscendo fuori stava avviando l’italia ad una ripresa economica) non porta da nessuna parte.
    Ricordati che la ripresa economica non si attua ne con I PACS (Anzi i DICO), ne con la legge sul conflitto d’interessi, ne con le liberalizzazioni, ne con l’indulto, ne con la nascita del “partito democratico”, ne con la “amato-ferrero” (POVERI NOI), e soprattutto nemmeno con un soffocante cuneo fiscale, sia per la famiglia che per l’impresa, che è il feto da cui nasce la ripresa economica.

  7. Chris ha detto:

    Di certo questo è uno dei problemi, ma è difficile senza una legge elettorale chiara poter pensare di fare un programma puntuale che trascini il bacino moderato che è quello grazie al quale in Italia, e non solo , si vince.
    Com’è possibile stilare un agenda di lavoro senza avere ancora chiari i propri alleati e senza sapere come sarà composto diciamo così l’avversario politico?
    Il 14 di Ottobre toccherà al Pd iniziare il suo percorso (già bocciato dall’elettorato), la sinistra radicale attende il momento per fare la propria federazione ovviamente con un occhio verso la riforma elettorale che con gli sbarramenti rischierebbe di metterla in difficoltà (basti pensare a diliberto o ai nuovi soggetti come Sinistra Critica). E Mastella cosa fa? Con l’apertura alla legge sul conflitto di interessi data a Berlusconi sembra si sia aperto un credito politico. Movimenti questi del leader dell’Udeur perchè dall’altra parte la barca affonda o forse perchè attende Casini sull’altra sponda del fiume? Pensare ad una agenda programmatica non è difficile se non impossibile inj questa situazione? Senza conoscere “il tuo nemico” è dura fare programmi.
    La riforma elettorale è sempre di più l’ago della bilancia ed è per questo che sono un pò disilluso sui tempi.
    Il centrodestra non ha la forza per fare cadere il governo, solo l’opinione pubblica ce l’ha, ed a quello forse che bisogna puntare, sperando che la sinistra con le sue stesse mani ci regali la seconda caduta, questa volta fatale. Ma qualora succedesse, può il centrodestra prendere in mano il paese senza alleanze certe, senza l’UDC e con la Lega che un pò remerà contro causa il suo indipendentismo cronico? O ci aspetta forse un governo tecnico che traghetti la politica verso la riforma elettorale ed una volta stabilite le alleanze, si vada al voto anticipato?

  8. SINISTRASTOP ha detto:

    Non lo so… ma per il bene del paese vada pure un governo tecnico che traghetti l’Italia (per un breve periodo s’intende) e faccia riflettere la CDL:
    L’importante è che il paese si riprenda da questo stato di inattività.

  9. Antonio ha detto:

    giusta osservazione

  10. mikyjpeg ha detto:

    Mi fa un po’ paura l’espressione “puntare sull’opinione pubblica” per far cadere un governo. Sa più di populismo che di democrazia. Il governo punta alla sopravvivenza, sottoscrivo in pieno, gli errori commessi sono numerosi e deprecabili, ma mi fa un po’ ridere questo “governo a casa” di Berlusconi dopo una vittoria di 4 città ad 1 ( e la perdita di due province peraltro). E’ vittoria, senza ombra di dubbio, ma bel lontana dallo schiacciante risultato contrario delle regionali di tre anni fa. Lui non si dimise e quindi non vedo perchè dovrebbe dimettersi il governo. Se vuole farlo cadere usi il parlamento. Il senato è oggettivamente debolissimo ma sarebbe stato ugualmente debole con numeri ben più ampi grazie a questa legge elettorale che non conviene a nessuno. Pensassero ad accordarsi su quella piuttosto che parlare a vanvera di spallate a boomerang.

  11. SinistraSTOP ha detto:

    La situazione fu diversa, Mikyjpeg: Se tu ti ricordi bene, il governo berlusconi aveva un ampia maggioranza in tutte e due le camere (e soprattutto al senato); i presupposti per andare avanti ci sono stati, e il governo, alla luce delle elezioni del 9 aprile ha ulteriormente smentito la tesi che voleva la CDL sotto di molti punti.
    Adesso la situazione è leggermente diversa: il governo non si regge in piedi; se lo fa è solo come ho detto sopra per l'”inerzia” a livello parlamentare, che, in una qualche misura, evita ribaltoni o mancate approvazioni di leggi (con ovvie conseguenze).
    Questo governo è già stato avvisato a febbraio; Ed è da allora più che mai iniziata la vera inerzia.

  12. Antonio Galdo ha detto:

    @nilok: Hai ragione, bisogna osare. La politica è anche rischio e coraggio. Basta guardare la Francia di Sarkozy…

  13. SinistraSTOP ha detto:

    Anche se non trovo la sezione dove inserire il mio commento, volevo spendere due parole riguardanti il caso Visco; Ieri il ministro Chiti ha difeso l’operato del vice ministro dell’economia a spada tratta; questo mi fa capire che, difendendo Visco (Innocente o colpevole che sia) si sia un po’ infangata la credibilità delle Fiamme Gialle. Continuo a provare il massimo sdegno per questo governo che ogni giorno che passa ci fa intravedere sempre più il suo spirito profondamente anti-istituzionale.
    Volevo anche ribadire sebbene con rammarico agli oppositori (come me) di questo “esecutivo” di togliersi dalla testa (purtroppo) che questo “governo” cadrà al senato il 6 Giugno.
    Prodi & co., che, come precisato puntano solo a “non cadere”, non ci mettono nulla a togliere la delega a Visco prima del voto al senato. CHE BEL GOVERNO!!!!
    Ma non allarmatevi troppo; Ricordatevi che la scadenza per effettuare la riforma delle pensioni è a fine Giugno (Hi Hi Hi)!!! Anche la TAV!!!

  14. mikyjpeg ha detto:

    A me pare che le epurazioni effettuate da Tremonti sulle fiamme gialle che indagavano su mediaset non hanno suscitato tutto questo can can mediatico. Che ci sia qualcuno che lo guida? A parte questo è il solito penoso gioco di cambio di giocatori installati dall’altra parte.
    Per la cronaca: nel 2001 fu destituita l’intera catena di comando della Finanza a Milano, nonchè il capo di stato maggiore Giovanni Mariella sostituito ad un solo mese dall’incarico. Fa schifo? A me si. In maniera uguale al caso attuale. Da che pulpito viene la predica….

  15. sinistraSTOP ha detto:

    Anche qui il fatto è “leggermente” diverso perché nel caso di Visco risulta decisamente più sporco;
    Che voi ne vogliate oppure no, l’avvicendamento politico di alcune istituzioni è pura competenza di alcuni ministri; La sinistra ha avvicendato praticamente tutto. Uno in più, uno in meno quasi non fa differenza.
    D’altro canto, come voi già saprete, ciascun alto finanziere o carabiniere che sia, ha un colore politico ben definito.
    La differenza di fondo tra il caso Tremonti del 2001 e il caso Visco è evidente:
    Nel primo caso non sono assolutamente emersi fatti che provano un avvicendamento dovuto alla scomodità di presunte indagini:
    Il tutto è destato dal sospetto che alcuni giornali, ovviamente neutrali (Il manifesto, L’unità, Repubblica, liberazione) hanno aizzato contro il governo Berlusconi, accusandolo di manipolare la GDF a suo piacimento.
    Nel secondo caso la vicenda è leggermente diversa; Sono venute alla luce delle lettere che, unite all’attendibile testimonianza del (a questo punto ex) generale della GDF Speciale, PROVANO una evidente egemonia da parte di Visco sulla GDF.
    E lo scandalo della vicenda, più dall’avvicendamento in se e per se (atto che io non condivido in nessun caso), è dettato dal momento in cui il generale Speciale sia stato silurato, ovvero dopo aver denunciato alla stampa un comportamento illecito da parte di Visco (Cosa che con Tremonti non era certo avvenuta).
    Un’altra vicenda, che parte della stampa si ostina a mantenere segreta per evitare ulteriori epurazioni, è la vicenda relativa a Pierluigi Magnaghi, direttore dell’ANSA, silurato non appena l’agenzia ha dato notizia dell’azzeramento dei vertici della Gdf in Lombardia in relazione all’inchiesta Unipol, grazie alla testimonianza di Speciale (Questo dimostra quanto sia pulita la vicenda).
    Ieri a Matrix ho visto il senatore diessino Brutti in evidente difficoltà non appena si toccava il tema dell’”allontanamento” di Speciale: Lui sosteneva “E’ venuto meno il rapporto di fiducia”.
    Il fatto che fa assomigliare questa operazione a quella di un efferato regime totalitario sta proprio in queste pessime situazioni.

  16. mikyjpeg ha detto:

    Il governo ha le sue colpe senza dubbio e chi mi conosce sa che sono molto critico nei confronti di questo governo. Ma per favore EFFERATO REGIME TOTALITARIO te lo potevi risparmiare. I regimi di cui parli tu sono ben altri e ben documentati dalla storia, in particolare l’aggettivo efferato è riferito a regimi che hanno usato l’omicidio per i loro mezzi. Io non mi sogno nemmeno di definire in questo modo il “regimetto” che ci ha governato negli ultimi cinque anni e a cui confronto questo fa le pulci (per evidente dilettantismo dello stesso, non perchè non abbia comportamenti in taluni casi simili). Daltrocanto i tuoi interventi (per non dire il nickname) mi paiono ben più di parte dei giornali che chiami eufemisticamente neutrali. Se uscissi dalla propaganda si avrebbe uno scambio di opinioni molto più utile e divertente.

    Uscendo dall’Off topic non mi pare che le tue differenze siano eclatanti. le PROVE a cui tu addici provano soltanto una divergenza sicuramente aspra ma egemonia mi pare un eufemismo. Quello che pare a me è un attacco organizzato e studiato a tavolino, vista la distanza temporale dei fatti, basata su un comportamento sicuramente poco trasparente di Visco.

  17. sinistraSTOP ha detto:

    RICONOSCO IL FATTO CHE “EFFERATO” È UN TERMINE DECISAMENTE FUORI LUOGO, DETTATO DALLA DISAPPROVAZIONE CHE PROVO PER QUESTO GOVERNO, E ME NE SCUSO PROFONDAMENTE:
    MA PER IL RESTO NON SMENTISCO NULLA DI QUANTO DETTO.

  18. sinistraSTOP ha detto:

    Confermo ulteriormente le mie scuse per quanto scritto sopra riguardante il termine “efferato”:
    Me ne scuso tanto più che, nonostante sia anticomunista convinto, credo di essere estremamente rispettoso dell’opinione altrui, anche se proveniente da regioni politiche che non godono della mia simpatia.
    Per il resto, come siete rispettosi tutti voi, lo sono anch’io;
    Ho a che fare tutti i giorni con gente di sinistra che gode della mia massima stima e simpatia; Anche in questo sito ho trovato un aria estremamente pacifica, che favorisce il dialogo tra i sostenitori degli schieramenti politici.
    Quindi per evitare che, (come accaduto in altri blog, dove non appena ho espresso apprezzamento per Berlusconi, sono stato subito etichettato come fascista) mi vengano attribuite caratteristiche che non mi rispecchiano, chiedo scusa e faccio marcia indietro per la parola espressa, che non ha nulla a che fare con questo (modestissimo) “governo”.

  19. mikyjpeg ha detto:

    x sinistraSTOP: Apprezzo quanto hai scritto. Finire a discutere anche noi in maniera indegna e antiproduttiva come fanno quelli che siedono in parlamento (di entrambi gli schieramenti) sarebbe quanto mai umiliante. Viva la discussione, anche aspra e critica, purchè civile!

  20. sinistraSTOP ha detto:

    TI DO PIENAMENTE RAGIONE!!

  21. sinistraSTOP ha detto:

    Bene, ma adesso che ci siamo chiariti torniamo a parlare di politica e a punzecchiarci civilmente e amichevolmente:
    Dunque, mi sembra abbastanza chiaro che la mozione della CDL stasera non passerà (sicuro al 99%); Meno chiaro il fatto che passi la mozione della maggioranza (75%), ma lo reputo abbastanza sicuro;
    Volete sapere secondo me come andrà a finire??
    Tutto torna come prima, nella piattezza e nell’inerzia totale, fingendo che non sia successo niente.
    Secondo voi???

  22. mikyjpeg ha detto:

    Se il governo non crolla spinto dal vento (visti i numeri) sarà calma piatta, al solito. L’insabbiamento è una delle arti che più riescono agli italiani.

  23. Antonio Galdo ha detto:

    A proposito della vostra discussione sul termine “regime totalitario”, mi fa piacere leggere commenti forti, anche critici, ma che non travalicano il confine del buone senso. Quanto alle previsioni, ne aggiungo una: questo governo non finirà la legislatura. Anche l’arte della sopravvivenza ha un limite, e Romano Prodi lo ha già superato.

  24. sinistraSTOP ha detto:

    Mi spiace ripetermi, per carità; Ma più passano i giorni, più mi rendo conto che qualched’uno sta attentando alla democrazia nel nostro paese.
    Non so quanti di voi hanno seguito la vicenda stasera in senato;
    Cos’è successo? Ve lo spiego in due parole, e cercherò, nel darvi spiegazioni di non essere di parte.
    Come tutti voi saprete, stasera in senato sono state proposte tre mozioni; due della CDL (Una riguardante l’apprezzamento della guardia di finanza, la seconda inerente la sfiducia a Visco).
    L’Unione ha invece presentato una mozione di “approvazione congiunta della guardia di finanza e dell’operato del governo”.
    La prima ad essere presentata è stata la mozione della CDL riguardante l’apprezzamento alla GDF della CDL; RISULTATO: FAVOREVOLI 157 CONTRARI 160; IL SENATO NON APPROVA. (fatto già estremamente grave)
    Subito dopo viene votata la mozione dell’unione, che prevede “l’approvazione congiunta di governo e GDF”; RISULTATO: FAVOREVOLI 160 CONTRARI 155.
    IL SENATO APPROVA.
    A questo punto Calderoli e altri esponenti dell’opp. si scagliano contro il presidente Marini, per non aver precluso dagli atti l'”apprezzamento alla GDF” nella seconda mozione, perchè già votata prima. (come previsto dal regolamento).
    La terza mozione, ovvero quella riguardante la sfiducia a Visco non è stata votata;
    Sapete perchè?? Perchè il presidente del Senato Marini ha pensato bene di cassare l’ultima parte perchè “contradditoria”; A quel punto gli esponenti della CDL hanno deciso di revocare la mozione, proprio perchè non conforme a quella presentata in precedenza.
    Se un presidente del senato o della camera continuerà a svolgere le proprie funzioni con una tale faziosità senza dare la possibilità all’opposizione di controbattere (Cosa che certamente non era successa con i precedenti) beh… cari amici… Berlusconi allora non esagera quando parla di Emergenza Democratica.

  25. sinistraSTOP ha detto:

    E poi scusatemi… ma un governo che in senato fa carte false perchè sia partecipe alla votazione necessaria per la sopravvivenza del governo persino l’esimio premio nobel per la medicina Rita Levi Montalcini (che ha 98 anni) mi sembra a dir poco vergognoso.
    Mi sembra altrettanto vergognoso il fatto già sottolienato dell’esautorazione del direttore dell’ansa, venuta alla luce pochi giorni fa, dopo aver battuto la notizia dello spostamento dei quattro finanzieri che indagavano su UNIPOL.
    A questo punto l’unica cosa che possiamo fare è scendere in piazza, ma non servirà a nulla: Solo se nel governo vi fossero persone realmente responsabili potremmo pensare di disarcionare questa armata brancaleone scendendo in piazza.
    Purtroppo di persone responsabili (e competenti) all’interno di questo governo ce ne sono davvero poche per non dire nessuna, e ciò mi fa capire che potrebbero scendere anche dieci milioni d’italiani in piazza, ma il governo non si dimetterà, proprio perchè legato profondamente alle rispettive poltrone e ai vitalizi da capogiro con i quali vengono onorati delle loro “limpide” mansioni.
    Esprimo il massimo sdegno per Furio Colombo, che oggi (anzi, ormai ieri) ha attaccato esplicitamente Bruno Vespa, definendolo fazioso.
    Fortunatamente la replica dell’opposizione c’è stata, (Baldassarri mi sembra), il quale ha ritenuto che la trasmissione di Vespa è “l’unica a non essere faziosa” (e io sottoscrivo in pieno)
    D’altra parte quali altre trasmissione politiche ci sono in rai??
    Ballarò, condotto da Floris, che cerca di far litigare Casini con Berlusconi in diretta TV, e Anno Zero, con Santoro e Travaglio, su cui preferirei stendere un velo pietoso.

  26. mikyjpeg ha detto:

    Per quanto riguarda gli Odg non trovo nulla di strano. Sono documenti che lasciano il tempo che trovano e guardando al passato troverai che non una ma centinaia di volte le votazioni si sono contraddette. Con la sinistra, con la destra precedente e perfino con la DC che aveva la maggioranza assoluta. Personalmente ritengo, data la assoluta inutilità di questi odg, che potrebbero essere cestinati. Spiegatemi, al di fuori dell’italia che ha regole veramente tutte sue, che senso ha votare mozioni puramente linguistiche? Che, per inciso non hanno alcun riscontro se non politico. Che comunque viene continuamente ignorato da una parte o dall’altra in caso negativo. A me pare che invece si dovrebbero interessare di più a dibattere leggi.
    A parte questo vorrei rispondere sul tema della piazza. Neppure il precedente governo ha abbandonato nonostante le manifestazioni (e non mi dite come qualcuno disse allora “era solo poca gente in vacanza”). Ed in maniera sacrosanta direi, dato che avrebbe sbagliato a farlo. Perchè fino a prova contraria siamo in uno stato repubblicano in cui conta il voto e non la piazza. Sinceramente parlare di “potere della piazza” mi ricorda solo populismo e pericolo per la democrazia. Perchè, per quanta gente andrà in piazza, per qualsivoglia motivo, non sarà mai rappresentanza della maggioranza degli italiani, i quali si esprimono alle urne. A questo proposito vorrei portare ad esempio un caso a me vicino: la base dal Molin di Vicenza. Io, nato e cresciuto a Vicenza, con uno zio americano ex-lavoratore della caserma Ederle, sono contrario al progetto. Ma non andai a protestare quando ci fu una manifestazione che richiamò a Vicenza un numero di persone molto alto. Ma queste persone non significano nulla perchè il comune di destra ha approvato (ed è stato eletto dai vicentini), e le successive elezioni provinciali hanno visto la vittoria del centrodestra che approva la base. Quindi non sono i cittadini a scegliere?
    Sulle esautorazioni, forse mi ripeto ma non vedo assolutamente differenze col precedente governo che mandò via esponenti della polizia, gdf, istituzioni (per non parlare della celebre epurazioni televisiva). E’ la legge del trapasso. Schifosa, concordo, ma di antica origine e chi protesta non è una verginella.
    x Antonio Goldo: sulla fine prematura non ci sono dubbi, dopo le elezioni gli avevo dato 3-4 mesi… putroppo (a mio modesto parere) non vedremo mai un governo veramente di sinistra. Questo è un governo di centro-sinistra-destra che scontenta tutti.

  27. sinistraSTOP ha detto:

    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER TAGLIARE ULTERIORMENTE LE PENSIONI.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVERCI COSTRETTO A PAGARE CON ASSEGNI.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER LIBERATO LADRI ASSASSINI E TRUFFATORI.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER AUMENTATO A DISMISURA IL CUNEO FISCALE.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER TAGLIATO FONDI AI COMUNI, I QUALI SI RIVARRANNO INEVITABILMENTE SUI CITTADINI.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER FAVORITO IL CITTADINO STRANIERO ALL’ITALIANO.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER FAVORITO GLI OMOSESSUALI A DISCAPITO DEGLI ETERO.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER OCCUPATO 16 ISTITUZIONI CON 20.000 SOLI VOTI IN PIU’.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER CANCELLATO DAL DIZIONARIO LA PAROLA “MERITOCRAZIA”.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER TENTATO DI INFANGARE I CATTOLICI E LE FAMIGLIE.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER TOGLIERE A TUTTI E RIDARE UNA PARTE SOLO AI DIPENDENTI PUBBLICI.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER PENSARE ALLA LEADERSHIP DEL PARTITO DEMOCRATICO QUANDO L’ITALIA STA ALLO SBANDO.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, CHE STAI FACENDO VERGOGNARE L’ITALIA IN TUTTE LE SEDI.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER INFANGATO L’ISTITUZIONE DELLA GUARDIA DI FINANZA.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER ATTUATO UNA COSI’ RISIBILE E A DIR POCO CONTRADDITORIA POLITICA ESTERA.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER CONTINUARE A GOVERNARE NONOSTANTE LA VOSTRA COALIZIONE FACCIA ACQUA DA TUTTE LE PARTI.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER SVERGINATO L’IMMACOLATEZZA DELLA SINISTRA. (QUESTO “GRAZIE” VA PRESO SUL SERIO).
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER CONTINUARE A FAR FINTA COME SE ANDASSE TUTTO BENE, SOLO PER PROVARE A CONTRAPPORSI IMPROPRIAMENTE
    AL GOVERNO PRECEDENTE CHE HA GOVERNATO INFINITAMENTE MEGLIO PER CINQUE ANNI.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER NOMINATO COME MINISTRI “FERRERO, DAMIANO, LANZILLOTTA,GENTILONI, POLLASTRINI, SANTAGATA, NICOLAIS,
    FIORONI, DE CASTRO, CHE MI HANNO FATTO SORGERE IL DUBBIO SE ANCHE I MIEI VICINI DI CASA FOSSERO DIVENTATI MINISTRI.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER INFANGATO L’IMMAGINE DI BERLUSCONI PER CINQUE ANNI E DI AVER VOTATO LA FIDUCIA A VISCO.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER ESSER SOSTENUTO IN PARLAMENTO DA CARUSO (NO GLOBAL), LUXURIA E GRILLINI (ARCIGAY, FAMOSO PER SLOGAN COME “L’OMOSESSUALITA’LOGORA CHI NON CE L’HA”) IN PARLAMENTO.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER FATTO PRESSIONI AFFINCHE’ TELECOM RIMANESSE IN MANI “VICINE”.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AGGRAPPARSI AD OGNI VOTAZIONE IN SENATO AL VOTO DELLA 98ENNE RITA LEVI MONTALCINI.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER MANDATO LA MELANDRI A GINEVRA CON UN DOSSIER PIETOSO CHE HA FATTO INEVITABILMENTE SCEGLIERE ALL’UEFA LA POLONIA E L’UCRAINA COME PAESI OSPITANTI DEGLI EUROPEI 2012, E PER FARCI RIDERE IN FACCIA DA TUTTO IL MONDO.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVERE TRA LE PROPRIE FILA UNO COME AMATO, IL QUALE, PRIMA SI SCAGLIA CONTRO COLORO CHE VANNO CON LE PROSTITUTE, MA POI DIFENDE A SPADA TRATTA SIRCANA.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER NOMINATO ALLA SALUTE LIVIA TURCO, CHE INVECE DI PENSARE A RICERCHE SULLE PATOLOGIE PENSA SE LIBERALIZZARE OPPURE NO LE DROGHE LEGGERE.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER ESSERTI FATTO RICATTARE DAGLI ESTREMISTI ISLAMICI, FACENDO LIBERARE CINQUE PERICOLOSI TERRORISTI IN CAMBIO DI UN GIORNALISTA DI UN TUO QUOTIDIANO.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER RINUNCIATO, A QUESTO PUNTO DEFINITIVAMENTE, ALLA COSTRUZIONE DELLA TAV.
    GRAZIE, GOVERNO PRODI, PER AVER RINUNCIATO A FARE TUTTO, AI DANNI DI NOI ITALIANI, CHE CI SENTIAMO PRESI IN GIRO, MA COME AL SOLITO CE LA PRENDIAMO NEL C…

  28. sinistraSTOP ha detto:

    DOMANDA:

    CHE MUSICA METTERESTE PER FESTEGGIARE UN EVENTUALE CADUTA DEL GOVERNO PRODI??

    ACCETTO CONSIGLI: Sto preparando delle compilation che metterò per festeggiare nel caso dovesse cadere (spero prestissimo) questo “governo”:
    Inizierei con un bel DISCO SAMBA (pe pe pe pe pe pe), per poi passare a “That’s The Way I Like It” dei “KC & The Sunshine Band”; Nella prima compilation non possono però mancare i Village People con “YMCA” e anche “Go West”.
    I “Kool And The Gang”, con “Celebration”, per poi tornare ai “KC & The Sunshine Band” con la travolgente “Give It Up”.
    Nella seconda compilation, se nella prima avevo messo la “DISCO MUSIC”, nella seconda ci inserisco un po’ di “80’s”;
    Si spazia dalla coinvolgente “Relax” dei Frankie Goes To Hollywood, (anche se ho sentito dire da alcuni che è la canzone dell’orgoglio gay… ma è vero?? se così allora no), per passare a “Shattered Dreams” dei Johnny Hates Jazz senza dimenticare ne “The Way It Is” di Bruce Hornsby, nemmeno “Who Can It Be Now” dei “Men At Work”, poi la romantica ed indimenticabile “Keyleigh” dei Marillion e con “Eyes Without A Face” di Billy Idol; si ritorna a ballare in seguito però con “Misfit” dei Curiosity Killed The Cat, per poi chiudere la compilation 80’s prima con la formidabile “The Final Countdown degli Europe e subito dopo con una straripante “Pump up the volume” dei Marrs”, che ci sta come il cacio sui maccheroni:
    Sui 90’s sono più indeciso tranne che per poche cose, dato che di canzoni veramente allegre dei 90’s ce ne sono poche (Metterei What Is Love di Haddaway).
    Finirei con qualcosa di Rock, come Sweet Child o’ mine dei Gun’s n’Roses, o come “I (Just) Died in Your Arms Tonight” dei “Cutting Crew” e “It’s Raining Again” e “Take The Long Way Home” dei Supertramp.
    Musica a tutto volume, Champagne (Rigorosamente “Gordon Rouge”) e Aranciata e coca cola per gli astemi (decaffeinata per gli ipertesi); Tartine al salmone, al caviale e a chi non ama il caviale con prosciutto cotto e maionese.
    Credo che ne avrò per tutta la notte:
    E al termine della serata, tutti in coro: PO PO PO PO PO PRODI… PO PO PO PO PO PRODI…
    Conservo le compilation e le tengo pronte per fine giugno.
    Ma se tutto non andrà come previsto, non ne faccio certo un dramma;
    Continuerò a conservarle e a tirarle fuori al momento opportuno.
    Vi pongo tre domande:
    1)Che ve ne pare delle compilation??
    2)E delle tartine, dello champagne e dell’aranciata??
    3)Sono un pazzo, vero???

  29. divilinux ha detto:

    @sinistra Stop
    la ripresa economica non si avvia nemmeno con le leggi “ad personam” o tentando di rifilare qualche milione di decoder per il digitale terrestre..;)

  30. mikyjpeg ha detto:

    se vuoi rimetterla su questi toni io non ci sto. Non starò qui a citarti i centinaia di “grazie” che avrei nei confronti del governo precedente e, dato che ho sperato ininterrottamente per cinque anni che cadesse, spero non ti stupirai se credo che questo pur misero governo (impedito nel governare perchè in mano ad esponenti di partitucoli che non arrivano neanche al 5%) non è che il male minore rispetto ai danni già subiti.

  31. sinistraSTOP ha detto:

    Credo personalmente, senza ombra di dubbio che questo sia il peggior governo del dopoguerra.
    Non ho mai visto in giro un tale malcontento popolare; non ne conosco uno (e abito a Roma, città che, ahimè, di destra non mi sembra) che abbia detto una parola positiva su questo governo.
    Dei ministri di questo governo quanto ad affidabilità o simpatia non se ne salva uno (Forse solo Mastella mi è simpatico).
    Poi altri sono ingiudicabili perchè illustri sconosciuti.
    Se poi volete ripetere cento volte che Berlusconi si è fatto le leggi ad personam, io sono d’accordo con voi, ma è l’unico sgarro di una ottima gestione governativa.

  32. mikyjpeg ha detto:

    “Ottima gestione legislativa” mi pare dissennata come frase. L’uomo che doveva liberalizzare, tagliare la spesa, eliminare i privilegi e quant’altro, supportato da una maggioranza parlamentare piena e schiacciante non ha fatto nulla di tutto ciò se non portare al baratro le finanze pubbliche costringendo questo governo ad un impopolare (e forse esagerata nei tempi) finanziaria. 2 declassamenti di rating. Più grandi opere aperte che finanziate. Gestione personale degli affari di stato. Eccetera eccetera eccetera. Ti ricordo inoltre che grazie ad una legge di Berlusconi (il decreto Urbani) NAVIGARE in Internet è ILLEGALE. Perchè tutto ciò che io e tu scrivi dovrebbero avere un non meglio specificato BOLLINO. Ovviamente è una legge talmente assurda che nessuno la rispetta salvo che per perseguire PENALMENTE i downloader (anche quelli di contenuti legali, non solo la pur deprecabile pirateria).
    Punti a favore del precedente governo? La patente a punti e la legge sul fumo.
    .
    Se a questo aggiungi che il mio capo del governo mi ha chiamato (si, proprio IO che ho solo la colpa di non votarlo) coglione, terrorista, comunista, illiberale e sfaccendato, potrai ben spiegarti perchè io ce l’abbia non poco con quel personaggio.

  33. sinistraSTOP ha detto:

    Sul decreto Urbani sono pienamente d’accordo con te: E’ una legge sbagliata…. questo governo ha fatto qualcosa per eliminarla?? NO!!!
    Io sono del parere che Berlusconi durante la sua presidenza abbia avuto molte uscite infelici, come “I coglioni”, i “Kapo”, ecc: Illiberale invece non mi sembra un offesa:
    Il comunismo e la sinistra estrema sono movimenti marcatamente illiberali, e sono ancora presenti in parlamento, nonostante , a mio avviso rappresentino una minaccia seria per la democrazia.
    Sono consapevolissimo del fatto che Berlusca non sia un santo (ribadisco che sono il primo a dire che ha pensato anche ai suoi interessi); Al referendum dello scorso anno, ad esempio, io ho votato convintamente NO, e mi ha fatto incazzare e non poco il fatto che abbia detto “CHI VOTA “NO” E’ INDEGNO DELL’ITALIA”.
    A me sembra l’esatto contrario: Io amo l’Italia nella sua interezza, da Bolzano a Ragusa, e suddividerla federalmente in tanti, diciamo così,, piccoli staterelli mi sembra contribuisca solo che a creare odio tra le regioni.
    Il mio movimento “IDEOLOGICO” che mi ha formato politicamente è il MSI, e dubito fortemente che, fosse ancora vivo, Almirante avrebbe votato “SI”.
    Detto questo però ritengo che, per progredire, bisogna incentivare la libera iniziativa, e premiare la MERITOCRAZIA, cosa che questo governo non sta facendo minimamente.
    Anche molti all’interno della maggioranza gli stanno voltando le spalle (I radicali, come Capezzone) proprio per questo fatto di essere “Illiberale”, e di non incentivare la libera iniziativa, dando ai professionisti degli evasori fiscali, senza pensare che togliendo alle imprese togli a tutti.
    PRODI???? VIAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!

  34. sinistraSTOP ha detto:

    Ah… dimenticavo… patente a punti e divieto di fumo nei locali pubblici hanno trovato la mia piena approvazione.
    Nel rispetto delle persone che, come me, non fumano (Tanto più che il fumo passivo fa malissimo).

  35. mikyjpeg ha detto:

    Hai ragione, i problemi di questo governo sono tanti e gravi, ma ti dirò che per quanto si possa dire non sono imputabili alla sola sinistra. Perchè questo governo è bloccato tra esponenti di destra (vedi udeur, italia dei valori e alcune frange della margherita) che però sono anti-berlusconiani (che comunque si voglia vedere rimane l’unico collante di questa accozzaglia) e posizioni anacronistiche e assolumente inutili perchè contrarie a tutto e tutti. Io mi ritengo di sinistra ma, per la miseria, non sono comunista e non mi ritengo illiberale. Quando il comunismo è caduto avevo 7 anni. E i vari DiPietro, Mastella, Rutelli etc tutto sono tranne che comunisti. Quindi questo discorso della sinistra è un falso. Il vero problema di questo governucolo è l’immobilità e la vecchiaia delle idee e dei comportamenti: il numero di esponenti del governo, l’irretratezza ideologica e comunicativa, la incredibile pochezza di decisionismo che le compete. D’altronde come ho già detto l’unico collante è proprio l’antiberlusconismo. Daltro canto anche a destra serpeggiano problemi che sono invece gli stessi di questo governo: vecchiaia di pensiero ed azioni, attaccamento alle poltrone e mancanza di una visione collettiva che favorisca il paese e non le persone.
    Personalmente io decapiterei in tronco l’intero parlamento. Bloccherei l’eleggibilità al massimo a due mandati (più si sta al potere più si marcisce) e impedirei la candidatura di ultrasettantenni.

  36. sinistraSTOP ha detto:

    Anche io sono dell’idea che a fare da collante all’armata brancaleone sia solo l’antiberlusconismo e la cieca invidia di non poter governare con una maggioranza schiacciante:
    I maggiori esperti in questo campo si trovano soprattutto nei DS (Fassino), PRC (Giordano) e PDCI (Diliberto).
    I meno antiberlusconiani stanno nell’UDEUR.
    Per questo, per il centrodestra, fossi Berlusconi mi ritirerei.
    Anche se francamente Casini non mi convince troppo.
    Forse anche berlusconi e prodi che, anche se a mio avviso tra i due c’è un abisso (per esempio Il primo ha dato da mangiare ad un sacco di famiglie con Fininvest, il secondo ha tolto da mangiare ad un sacco di famiglie facendo fallire l’IRI) un punto in comune in negativo cel’hanno;Tra chi deve compiere e chi ha superato i 70, non sono in grado di dare un immagine fresca dell’Italia (Guarda la Francia di Sarkozy).

  37. sinistraSTOP ha detto:

    Volevo esprimere solidarietà per Gustavo Selva;
    Pur avendo riconosciuto il suo errore di farsi trasportare in ambulanza presso lo studio di La7, ho trovato impietosi i giudizi di accusa da parte di persone come il ministro Turco, che invece di pensare alla cura delle malattie si limita a decidere se liberalizzare o no la droga, o come Piero Marrazzo, ovvero il peggior governatore in assoluto che la regione Lazio abbia mai avuto, (abito a Roma e lo so), capace solo di presenziare e di attuare una politica basata sullo schivare i problemi nonchè sull’inerzia e l’inefficienza più totale, facendo affidamento sulla stampa a suo favore.
    Ho grande stima di Gustavo Selva, e, pur dispiacendomi il fatto che si sia dimesso da senatore, trovo sia una decisione conforme al galantuomo quale è, ovvero ben lontana dalle polemiche di galline starnazzanti che volano davvero in basso, criticando gli errori altrui senza però farsi un profondo esame di coscienza.
    Gustavo Selva ha sbagliato, lo riconosco.
    Ha probabilmente riconosciuto l’errore è si è dimesso.
    Altri (ed ogni riferimento a cose e a fatti è puramente casuale) al centro dell’attenzione per vicende oscure che stanno uscendo in questi giorni,ed infinitamente più gravi rispetto a quelle di Selva, dovrebbero senza ombra di dubbio seguirne l’esempio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: