Stipendi troppo alti ai politici italiani? Ecco la soluzione

GiornaleC’è un modo non demagogico, ma efficace e significativo, per offrire un segnale di buona volontà nel pozzo nero dei costi della politica? Forse, se qualcuno inizia a dare l’esempio. Prendete i deputati e i senatori, spesso considerati dei super privilegiati non solo per le generose indennità (una spesa complessiva di circa 190 milioni di euro l’anno) ma anche per i trattamenti previdenziali e i benefit di cui possono disporre. E’ impensabile, come lascia intendere Franco Giordano in un’intervista al Corriere della Sera di ieri, una legge ad hoc per abbassare gli stipendi dei parlamentari. È impensabile anche sotto il profilo giuridico. E poi che cosa facciamo? Passiamo ai consiglieri regionali, ai giudici costituzionali, ai 472.829 italiani che rappresentano il ceto dei professionisti della politica? Possiamo solo immaginare la pioggia di ricorsi ai Tar e i contenziosi che si aprirebbero. Altra cosa, invece, è una scelta autonoma, libera e trasparente. Una decisione volontaria di deputati e senatori, di centrosinistra e di centrodestra, di devolvere una quota non simbolica dei loro emolumenti (magari il 20 per cento, il quinto dello stipendio, che tanti semplici cittadini accettano di pagare alle finanziarie per pagarsi la casa) a un fondo che potrebbe essere gestito da tre personalità indipendenti. Un fondo per destinare queste risorse fuori dal perimetro della politica, con obiettivi specifici. Per esempio per i risarcimenti alle famiglie delle vittime dei morti sul lavoro, la strage silenziosa che ogni giorno si consuma in Italia. Tra l’altro, queste devoluzioni volontarie in alcuni gruppi parlamentari già esistono, soltanto che servono ad alimentare le casse dei partiti di appartenenza e rappresentano così una forma impropria di quel finanziamento pubblico alle forze politiche tanto contestato e bocciato con un referendum popolare. Un gesto forte e chiaro, avrebbe tre effetti positivi. Il primo è appunto l’esempio: con la spinta dell’iniziativa dei parlamentari si potrebbe mettere in moto un meccanismo a cascata in tutto il sistema degli eletti, compresi quelli delle amministrazioni locali. Pensate: una catena di buona volontà. In secondo luogo, ci sarebbe una risposta all’odiosa, e documentata, intolleranza del ceto politico a ridurre la zona grigia dei suoi privilegi. A fatti concreti si risponderebbe con fatti concreti. E chissà che, lungo questa strada, non si accenda una piccola luce per contrastare il buio dell’antipolitica, la peggiore malattia di una democrazia. Forza, dunque, onorevoli e senatori: fate meno prediche sui giornali e date il buon esempio.

di Marco Stefanini

Annunci

4 Responses to Stipendi troppo alti ai politici italiani? Ecco la soluzione

  1. MarketingPark ha detto:

    Il monologo di Crozza in apertura dell’ultima puntata di Ballarò è stato pregevole ed interamente dedicato ai costi della politica. Il dato più sconcertante riguarda il Quirinale: 2000 dipendenti per un “abitante” solo, ben oltre i 500 di Buckingham Palace (residenza, com’è noto, della Regina Elisabetta II sovrana d’Inghilterra).

  2. Lorenzo Grossini ha detto:

    da questa pagina cliccate sulla puntata “COSA SERVE PER TROVARE LAVORO?” e potete arrivare alla puntata citata nel commento precedente.

  3. MarketingPark ha detto:

    Un altro interessante argomento sul tema è la “moltiplicazione” delle Province in atto in molte regioni italiane. La nascita di ogni singola nuova provincia rappresenta un’altra macchina burocratica (e relativi costi, of course) che graverà sui cittadini.

  4. gravity bong ha detto:

    Good day! Do you know if they make any plugins to assist with SEO?
    I’m trying to get my blog to rank for some targeted keywords but I’m not seeing
    very good results. If you know of any please share.
    Appreciate it!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: