Università, troppi regali a Bill Gates

L’università degli orroriL’Indipendente di oggi (qui il pdf) si è occupato di una questione della quale siamo venuti a conoscenza grazie a un nostro lettore (a proposito,grazie Daniele). Se doveste avere altre segnalazioni vi preghiamo di farcelo sapere sia rispondendo sul blog, sia inviandoci una mail.

L’Università italiana si è messa in affari con Bill Gates. Lunedì i ministri Fabio Mussi e Luigi Nicolais si sono presentati nella sala stampa di Palazzo Chigi e hanno annunciato l’accordo: il governo creerà tre centri per l’innovazione in Piemonte, Campania e Toscana. Si occuperanno di formazione, trasferimento tecnologico e facilitazione dei progetti di ricerca e naturalmente saranno basati su tecnologie e licenze Microsoft. «Grazie a questo accordo si aprono grandi opportunità – ha commentato il ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica amministrazione – si tratta di un ulteriore passo in avanti nella collaborazione tra multinazionali e università, per attrarre investimenti sul territorio». Una prestigiosa collaborazione, della quale però non è ancora chiaro il costo per i contribuenti. «Il governo metterà degli altri soldi», si è limitato ad annunciare un gongolante Mussi. Ma l’entusiasmo per l’accordo, che per ora ha contagiato solo i due ministri, nel resto d’Italia ha scatenato una ridda di polemiche. «Sono sorpreso e amareggiato – spiega il presidente della Commissione cultura della Camera Pietro Folena – nel mondo accademico prevale di gran lunga l’utilizzo di software open source, come Linux, perché, grazie al suo contenuto aperto e pubblico, può essere studiato, modificato, adattato. Non si capisce quindi perché il Governo abbia deciso di affidarsi ad una azienda che produce software proprietario, chiuso e immodificabile». Folena ritiene ce ne sia abbastanza per un’interrogazione parlamentare, che presenterà nei prossimi giorni. Se si va a spulciare il programma dell’Unione, è difficile dargli torto. «Dovremo diffondere l’Open Source nelle amministrazioni. Questa risorsa allevierà la dipendenza dalle onerose licenze commerciali», recitava una sura dell’agenda politica. Un terribile caso di amnesia. Ma mettersi nelle mani dello Microsoft, non era esattamente il desiderio della Crui. La Conferenza dei Rettori, e con loro le università di tutti gli altri Paesi d’Europa e del mondo, ritengono il software libero l’unica risorsa possibile per la ricerca. Ovunque tranne che da noi. Zio Bill, a bordo del suo BlueYacht, già si frega le mani. Un milione di dollari alle Università italiane, per lui sono noccioline. Quanto basta perché Nicolais e Mussi gli votino statue in tutti gli atenei d’Italia.

di Francesco Lo Dico

Update: sempre dal blog di Daniele Medri, questo post in cui si vede il video (tratto da report) del caso della provincia di Bolzano, dove nelle scuole viene usato solo software open source. In Francia invece la questione è stata afrontata con la distribuzione a tutti gli studenti delle superiore dell’Ile de France, di chiavette usb con software libero precaricato.

Annunci

6 Responses to Università, troppi regali a Bill Gates

  1. valerio ha detto:

    Ma basta con sto’ LINUX !!
    E’ un sistema operativo modesto,pesante,ingombrante.

  2. Lorenzo Grossini ha detto:

    Non ho esperienze dirette di linux, ma quanto a pesantezza, se xp fosse una pietanza potrebbe essere della peperonata…a cena peraltro. Cmq attendo commenti dai guru dell’ubuntu

  3. Francesco Lo Dico ha detto:

    Evidentemente Valerio, visto che tutte le Università del mondo usano software libero, di cui Linux è una fra le tante alternative, dovresti attivarti per comunicare a tutti il tuo prezioso contributo. Torniamo al web punto 1. Microsoft è quanto di meglio c’è per fare ricerca libera. Il meglio cui tutti i poveracci che pagano le tasse possono aspirare. Gli italiani pagheranno Bill Gates per fare progetti universitari italiani. Un contributo modesto, leggero, e discreto.

  4. Daniele ha detto:

    “modesto, pesante, ingombrante.”

    E adesso che valerio ha svelato questa cosa chi lo dice a quelli della Nasa che lo usano da oltre un decennio per il loro centro di calcolo. Oppure a quelli che producono i navigatori TomTom che lo usano come sistema operativo integrato. Motorola o Nokia che su Linux investono da anni e lo usano già per molteplici loro smart-phone o semplici telefonini. Loro come tutti gli altri, inconsapevoli.

  5. […] Link: Punto informatico | il blog di Pietro Folena| l’Indipendente […]

  6. […] batte i contribuenti italiani 7 a 1 Gli aiuti di Stato finanziano Bill Gates. Il verdetto arriva in seguito a uno studio condotto da tre ricercatori dell’Assoli, associazione […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: