Vanessa, soltanto la morte cambia le cose

casa.jpgI miei figli che di solito prendono i treni della linea A raccontano che c’è un’atmosfera un po’ surreale, perché i soliti gruppetti di borseggiatori, di zingari, in genere di stranieri, si vedono molto meno là sotto, nelle viscere della Capitale. È diverso il metrò di Roma. È cambiato dalla morte terribile di Vanessa Russo, la ragazza di borgata Fidene uccisa con un colpo di ombrello nell’occhio, una settimana fa. Alle 3 del pomeriggio in una delle fermate più frequentate: quella della stazione Termini, linea B. Che significa? Almeno due cose. Prima: che tante polemiche sulla sicurezza nel metrò di Roma erano in parte fondate e, sull’onda del delitto, le forze dell’ordine hanno intensificato la sorveglianza. Seconda, e questa cosa è esplosa con evidenza e violenza ai funerali di Vanessa: il risentimento delle persone verso gli stranieri che delinquono. È inutile girarci intorno, si tratta di una forma di aggressività che sicuramente gli zingari di Termini conoscono bene, temono e vogliono evitare in questi giorni. In questo senso, davvero, potrebbe essere un’assenza dovuta ad una situazione psicologica temporanea. Presto, tutto tornerà come prima. E tuttavia ce n’è abbastanza per riflettere. Sulla storia di Doina, prostituita rumena senza protettore, e dunque capace di regolare in proprio i conti con la malavita che controlla i traffici sulle strade della Capitale. Sulla fatalità di un colpo dato con grande violenza ma che è difficile stabilire che volesse premeditatamente uccidere. Sullo status comunitario dei rumeni che pur essendo ex-extracomunitari (scusate il bisticcio di parole) sono percepiti dagli italiani, e dai romani, come pericolosi stranieri. Il fatto è che si fischiano i politici in chiesa, com’è accaduto ieri ai funerali, per la rabbia di un’impotenza evidente: quella delle forze dell’ordine. Doina Matei era già stata denunciata per i litigi con altre prostitute, era anche stata espulsa sulla carta, ma era ancora in Italia. Lavorava bene (come sanno i numerosi clienti italiani che si sono serviti di lei) tanto da potersi permettere una sistemazione a Tivoli da 70 euro a notte. Era seguita da una connazionale minorenne, rimasta coinvolta nel delitto, forse suo malgrado. Insomma una persona potenzialmente pericolosa per la nostra convivenza, ma che i carabinieri e i poliziotti non erano riusciti a fermare, fino a tre giorni dopo il delitto. Da qui nasce la rabbia. Da qui il popoloso deserto che chiamano metrò di Roma.

Annunci

4 Responses to Vanessa, soltanto la morte cambia le cose

  1. Jada ha detto:

    Hi there! I understand this is somewhat off-topic however I needed to ask.
    Does building a well-established website like yours require
    a lot of work? I am completely new to writing a blog but I do write in my journal on a daily basis.
    I’d like to start a blog so I can easily share my
    personal experience and thoughts online. Please let me know if you have
    any ideas or tips for new aspiring bloggers. Thankyou!

  2. plus.google.com ha detto:

    Thanks in support of sharing such a pleasant idea, piece
    of writing is pleasant, thats why i have read it fully

  3. Osvaldo ha detto:

    It’s remarkable designed for me to have a web page, which
    is helpful designed for my know-how. thanks admin

  4. Terra ha detto:

    I need to to thank you for this great read!! I absolutely enjoyed every bit of it.
    I’ve got you bookmarked to check out new things you post…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: