L’ebbrezza di Mussi. Più soldi ai ricercatori, ma come?

Saluto con autentica gioia », ha dichiarato il ministro dell’Università e della ricerca Fabio Mussi, «l’annuncio fatto dal presidente del Consiglio Romano Prodi a Tokyo: “aumenteremo il numero dei ricercatori e aumenteremo i loro stipendi”».
Parole che non si sa come interpretare. Viene da domandarsi infatti se Mussi scherzi e si prenda gioco di Prodi, se la sua sortita abbia come scopo quello di mettere in difficoltà il governo di cui egli stesso fa parte o se la sua sia semplicemente propaganda: flatus vocis per riempire un’agenzia.
A meno che Mussi infatti non abbia già vestito i panni della coscienza critica dell’erigendo partito democratico – di cui sarà oppositore – e non giochi sin d’ora a fare il ministro di lotta e di governo, a meno che insomma la sua intemerata non sia ironica e lui parli sul serio dovrebbe spiegare come pensa che si possano aumentare gli stipendi a dottorandi e ricercatori.
Dove dovrebbe prenderli i soldi il suo ministero dopo che il suo governo ha tagliato del 5 per cento i fondi all’intero comparto dell’Università e della ricerca? Come si cancella quello che Mussi chiama “il clamoroso oltraggio sociale al principio del merito”? Con quali risorse si aumenteranno gli 800 euro mensili per un dottorando e i 1200 per un ricercatore? Come li assumerà Prodi i nuovi ricercatori? Dopo gli annunci che riempiono di gioia è doveroso rispondere a queste domande. Altrimenti all’oltraggio sociale per i ricercatori si aggiunge la beffa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: