Re Pasquale, l’eterno rettore di Cagliari

A Cagliari sono sicuri che Pasquale Mistretta verrà rieletto al rettorato dell’università per la sesta volta consecutiva. Un lungo regno senza soste il suo: sedici anni, per ora, di monarchia assoluta resa possibile dai continui blitz che il rettore e i suoi uomini sono riusciti a mettere a segno in questi tre lustri di potere. Eternando se stessi a colpi di maquillage allo statuto e politiche di persuasione accademica molto massicce e mirate. La storia dello statuto dell’università di Cagliari degli ultimi anni non a caso è fatta di modifiche che hanno avuto quasi sempre come oggetto gli articoli che disciplinano la carica di rettore. Nel 2002 ci fu un passaggio da due a tre mandati consecutivi, poi, nel 2005, il nuovo cambio che portò il numero massimo a quattro. Modifiche apportate per permettere a Mistretta, rettore dal 1991, di arrivare al suo sesto mandato. Un lavoro reso possibile soprattutto dall’abilità diplomatica dello stesso rettore che ha saputo tessere in questi anni una tela molto vasta di interessi e alleanze: «Il re Mistretta», come ha scritto l’Unione sarda, «ha le chiavi del regno». E lo dimostra il fatto che l’ultimo cambio di statuto, è stato possibile grazie al sì di 6 presidi di università e al recupero del potenziale dissenso che tale, potenziale cioè, è sempre rimasto. Mistretta infatti ha risposto alle critiche di centralizzazione che gli sono state mosse allargando il governo dell’ateneo. Come? Con una pioggia di nomine in settori come l’internazionalizzazione, i rapporti col territorio e le istituzioni, la didattica e ricerca scientifica, la presidenza del senato accademico, il protocollo d’intesa Regione-università e il coordinamento gestionale della cittadella universitaria. La rete appunto. E così si capisce anche perché quando Mistretta propone le sue variazioni allo statuto è così difficile dirgli di no. Anche se Re Pasquale, come lo chiamano ormai a Cagliari, si appresta ormai a finire il quinto mandato preparandosi per il sesto. Un vero highlander, uno dei più longevi d’Italia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: