Io sto con il padre che ha picchiato i bulletti

casa.jpgSolidarietà umana e politica, come si diceva una volta, per il padre di Como che ha aggredito fisicamente i cinque bulletti delle medie che hanno fatto del sesso orale con sua figlia e hanno ripreso l’evento con il telefonino, realizzando un video che ha fatto il giro di tutta la scuola. Ne ho parlato con mia figlia dodicenne, ma, purtroppo, per lei e le sue amiche l’episodio non è così grave come per noi genitori. Certo il papà di Como ha cercato di farsi giustizia da sé, rischiando di rovinarsi ulteriormente la vita. Ma perchè lo ha fatto? I ragazzini sono e resteranno impuniti, così come i loro genitori che li coprono e li comprendono. La dodicenne è due volte vittima. Vittima del branco di maschi che oggi spiegano che era consenziente con il sorrisino sulle labbra. Vittima della reputazione sociale che subito le hanno cucito addosso: la lettera scarlatta della ragazza facile, spedita a tutto l’istituto via cellulare pagato da papà e mamma. Che voltastomaco! I grandi non sanno più che cosa dire a questi adolescenti bombardati da una cultura che li fa crescere troppo in fretta, si fermano al “prometti di non farlo più”. E mostrano tutta la loro debolezza. Non c’è argine all’ignoranza e alla superficialità con cui i ragazzini spendono la propria vita, senza neanche rendersene conto. Fra di noi genitori che abbiamo figli dodicenni e che frequentano le scuole medie statali, l’allarme è alto. Il resto della società non si rende conto che stiamo perdendo il contatto con un’intera generazione, lasciata andare alla deriva. Si salvano i ceti sociali più modesti, le scuole piene di giovanissimi figli di immigrati che hanno una gran voglia di studiare e di inserirsi. Soffrono le scuole dei figli della grande borghesia cittadina, fra i quali già a undici-dodici anni circola la droga e c’è il mito dell’ubriacatura da birra il sabato sera. Griffati, con la cintura dei pantaloni alla caviglia, il sedere in mostra, fanno anche pena perché gli adulti, ormai stufi di averli accuditi, non li seguono più, li abbandonano come se fossero già cresciuti. Il guaio è che non lo sono ancora. Per niente. Hanno molte legittime fragilità, subiscono la reputazione fra i coetanei, i modelli della tv, la legge del branco. Questa delle scuole dell’obbligo è un’emergenza nazionale. I giornali parlano di video e di bullismo, e così minimizzano, trascurano il centro della questione. Non si chiedono da che cosa prendano le mosse tutti questi recenti episodi, ma penso che le famiglie siano strutturalmente svantaggiate in questa situazione. Per questo mi fa simpatia il padre violento di Como. Sbagliando, ha cercato di ribellarsi a una situazione ingiusta.

Annunci

5 Responses to Io sto con il padre che ha picchiato i bulletti

  1. Daniele Medri ha detto:

    Se fossi stato il padre della ragazza avrei senza ombra di dubbio reagito anche io così. Io ho visto il video: è facilmente recuperabile in rete tra la palpazione della prof.ssa di Lecce e le altre cose recenti.

    La ragazza, nella sua probabile ingenuità, agiva in libertà e sembrava pure appassionata dalla cosa. Purtroppo, non sarà ne la prima e ne l’ultima nave guida: c’erano in passato, ci sono ora. Il problema è che prima tutto si perdeva nella memoria, ora è documentato.

  2. Mario ha detto:

    Io pensio sia arrivato il momento di mettere un freno a tutto questo schifo……. io credo che a trovarmi padre della ragazza mi sarei rovinato la vita per sempre, sarei marcito in galera per sterminio di 4 stronzetti e relativi genitori…., non escludendo a priori le mie responsabilità come padre della ragazza. Le istituzioni devono intervenire, istituiscano il “Fallimento Familiare” e quindi vadano perseguiti quei genitori (come avviene per le aziende) che con il loro buonismo assurdo distruggono la vita dei loro figli e a loro volta, soprattutto, quella degli altri. Ho 50 anni e due figli, 23 e 17 anni, quindi non sono immune da responsabilità ma ho sacrificato anche un pò del mio ego per seguirli e aiutarli a non sbagliare, non mi serve un bravo ma sò di avere la coscienza a posto nei loro riguardi.

  3. Banfi ha detto:

    Diciamocelo: è difficile essere figli ed è anche non facile essere genitori. La fortuna è poter imparare dai propri figli, respirare un po’ della loro apertura mentale, della loro giovinezza. Che niente dovrebbe negargli.

  4. […] mesi batte (qui l’intervista a Carlo Risè) e ribatte (qui l’intervista a don Mazzi e qui l’intervento sul blog di CasaBanfi) sulla necessità che il padre torni all’onore del mondo […]

  5. […] e cambiare ambiente scolastico. Nel dibattito che si è sviluppato dopo l’ultima puntata di Casa Banfi, dove prendevo le difese di quel padre di Como che ha cercato di vendicarsi da solo, c’è chi mi […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: