Starbucks, non caffè ma lifestyle

Oggi sulle pagine della Stampa, c’era un articolo sull’eterna lotta tra Starbucks (visitate questo blog che è molto informato sull’argomento) e la Cina. La prima puntata era relativa alla diatriba per il nome (starsbucks) adottato da un’altra catena di caffetterie cinesi e la seconda invece legata alla più attuale disputa sulla filiale all’interno della città proibita. A questo punto mi è tornato alla mente un articolo di un po’ di tempo fa uscito sulle pagine online del guardian, in cui viene riportata l’esperienza di Bryant Simon, docente di storia all’università del Nord Carolina, che in un anno si è girato 400 punti vendita in diversi paesi dove ha speso circa 15 ore a settimana per studiare la fauna del luogo e il suo comportamento. La frase esplicativa della ricerca è senz’altro questa:

“Starbucks non ha inventato il caffè, tanto meno il buon caffè. Ha invece trasformato il caffè in un’identità”

Un lifestyle insomma. La generazione starbucks. Lo stereotipo dello scrittore che vi si reca per terminare il porprio libro, con un bel macbook ultimo modello. Ad ogni modo le differenze trai punti vendita in giro per il mondo sono interessanti. In Inghilterra le postazioni sono più sporche rispetto a quelle Usa, dove i clienti son già abituati a pulire da sè i propri avanzi, forse allenati dalla palestra Mac Donald’s…
Io devo dire di averlo provato a Parigi. Devo dire che del Frappuccino alla vaniglia large che mi sono preso, ricordo giusto un bel mal di pancia e poco più.

Annunci

4 Responses to Starbucks, non caffè ma lifestyle

  1. Cristian ha detto:

    Sarà la quantità di quelli bevuti negli USA, ma il “coffee” di Starbucks mi manca da morire.
    Peccato che quasi sicuramente non lo vedremo in Italia.

  2. Lorenzo Grossini ha detto:

    Ma tu che l’hai vissuto in versione originale, che aria si respira nella casa dell’orange-moka-frappuccino?

  3. freewriter ha detto:

    anch’io ricordo ancora molto bene gli starbucks bevuti fra San Francisco e New York e, sarà stato il contesto, sarà stato quel preciso momento della vita, ma quei caffé a modo loro mi mancano!

  4. Lorenzo Grossini ha detto:

    é questo il discorso. Vuoi mettere la qualità di un caffè come il grancaffè di Sant’Eustachio qui a Roma, http://www.santeustachioilcaffe.it/ , con quella di starbucks, ma l’atmosfera che si respira in quei posti è ciò che li contraddisitngue. Mi sa che mi toccherà andare negli states per toccare con mano…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: