Zeitgeist a chi, scusi?

Me ne stavo zampettando belbello trai meandri del vùvùvù, quando mi viene in mente di dare un’occhiata allo zeitgeist (qui una bella definizione del termine concessaci dall’illustre signor De Mauro-Paravia) di Goggle. Ogni tanto è pratica buona farci un salto visto che racchiude i termini più ricercati, quindi le domande che la gente che annaspa sulle tastiere si fa quando sta sulla rete. Ricerche internazionali. Uno spaccato delle nostre vite. Siamo sicuri che vogliamo davvero essere quello che cerchiamo? Cerco ergo sum? Al primo posto Paris Hitlon. Per me Paris è la capitale della France e Hilton una catena di hotel (ok questo c’entra…) e cmq nn mi interessacercarlo su internet. Al secondo posto il Grande Fratello (…), al terzo posto Inter (il milan al quinto e la juve al decimo). Il quarto posto mi ha stupito: Zac Efron. Qui si che ho bisogno di google. Salta fuori che è un giovane attore (classe 87) che pare vada per la maggiore. Bah. Poi c’è diddl, il topo pupazzo. Mi ha fatto invece sorridere la presenza vicino alla Hilton, a Britney Spears e ai ragazzi di Amici, della Befana. I dati sono quelli di gennaio quindi la cosa risulta plausibile. Guardando poi le classifiche degli altri stati si nota che le varie versioni del grande fratello, american idol (da noi amici, praticamente), harry potter et simila, spopolano tra le chiavi di ricerca. Invece mi ha colpito la statistica inerente alla Cina. Ovviamente gli ideogrammi non si leggono, ma per fortuna tra parentesi è spiegato a cosa si riferiscano le parole. La maggioranza di termini (5 su 15) si riferisce a giochi online. Questo la dice lunga su come sia diverso l’utilizzo del mezzo digitale tra noi e loro. Mi è venuta in mente la notizia di settimana scorsa, del giovane morto per overdose di web gaming. Nel comunicato della Reuters si legge: “Ci sono solo due possibilità. La tv o il computer. Cos’altro si può fare in vacanza se tutti i centri commerciali o il luoghi di ritrovo sono chiusi?” I termini cercati rispecchiano questa affermazione. Anche i giornali online sono presenti in molte classifiche (Finlandia docet). Nelle liste si trova però di tutto dai manga alle banche d’affari. Popolazione eterogenea per le reti di tutto il mondo insomma. Vedremo come saranno le liste del mese prossimo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: