Hiv e disinformazione

Ieri è stata data la notizia del trapianto di organi presi da una donatrice sieropositiva presso l’ospedale Careggi di Firenze. Dalle pagine del Corriere si legge:

I tre organi, fegato e reni, erano stati espiantati nei giorni scorsi all’ ospedale di Careggi da una donna morta per una emorragia cerebrale che, secondo i sanitari, era quasi sicuramente all’oscuro del fatto di essere sieropositiva.

Proprio a questo riguardo mi è tornato alla mente un post su una campagna di guerrilla marketing trovato su un blog che tratta di marketing alternativo. In poche parole si tratta di un adesivo recante la scritta: “you may carry hiv without even knowing it” [potresti essere portatore del virus hiv e nemmeno saperlo]. Trovo la campagna particolarmente azzeccata oltre che istruttiva. Un utilizzo del guerrilla marketing alternativo ed efficace

Annunci

11 Responses to Hiv e disinformazione

  1. marco ha detto:

    Segnalazione importante rivolto proprio a Voi visto che dichiarate di essere indipendenti:
    February 2007
    HIV on Trial in Australia: Court Weighs Evidence for Claims of Isolation, Transmission and Testing

    A motion for appeal in a criminal hearing in Adelaide, Australia has become the focus of international attention as fundamental claims by orthodox AIDS researchers — including the infamous Dr Robert Gallo — come under vigorous cross-examination by an attorney demanding scientific evidence that the virus exists. Top AIDS industry spokespersons from around the world have appeared in person or by satellite in Adelaide to defend the HIV hypothesis against charges by a local team of scientific and medical experts known as “The Perth Group” who asserts that two decades of AIDS research have failed to produce a purified isolate of HIV, validation of the accuracy so-called HIV tests, or proof that HIV is transmitted through bodily fluids.

    Below are two news articles about the legal proceedings. Other information about the trial and actual transcripts of testimony can be found at http://aras.ab.ca/index.php

    For this week’s testimony by alleged HIV discoverer Dr Robert Gallo, go directly to Gallo-Transcript.pdf

    Michael Geiger, a close observer of the events in Adelaide, reports being “stunned and amazed” by Gallo’s statements to the court. Geiger says, “It’s difficult to tell if Gallo was defending HIV or if his testimony is a public admission of guilt.”

    Geiger urges transcript readers to note:

    * Page 1294 where Gallo agrees that he found evidence of HIV in only 40% of the AIDS patients in his original study, and that 40% is not enough to prove HIV is the cause of AIDS:

    Attorney to Gallo: “You had…48 out of 119, or 40%?”

    Gallo: “I agree”

    Attorney: “Do you agree that the isolation of HIV from only 40% of patients is not proof that HIV causes AIDS?”

    Gallo: “I would say of course, in and of itself, 40% isolation of a new virus, I would not say is the cause.”

    * Page 1300 where Gallo admits to finding low percentages of HIV positivity in people with AIDS symptoms:

    Attorney: “For…adults with KS, 30%; for adults…with AIDS opportunistic infections 47%. Do you accept your figures?”

    Gallo: “I accept the figures.”

    * Page 1317 where Gallo acknowledges finding no HIV in KS lesions or in T cells, and testimony on page 1318 in which Gallo admits that “viral load” tests cannot be used to prove infection with a virus.

    The language in news articles covering the Adelaide trial speaks loudly and clearly of media prejudice in AIDS reporting. In the first of the two pieces that follow, medical and scientific experts challenging the notion that HIV has been isolated according to proper, scientific standards are branded “an organized group of HIV deniers” and lack official titles such as MD, while those being called by the court to produce evidence are referred to as “experts” with repeated references to their professional credentials.

    The obvious bent of Australian coverage is at least one step up from the US media response: Not a single story on the uproar from down under has appeared in American news.
    Adelaide Independent Weekly
    February 2, 2007

    Does AIDS exist? Is HIV actually a virus? Incredibly, not everyone says yes. But never before has a scientific theory on HIV been tested like this in a court of law. In this landmark South Australia case, the verdict will decide if a man convicted of infecting his girlfriend with the virus can walk free.

    Expert Attacks HIV Skeptics By Hendrik Gout

    One of the world’s top HIV researchers has branded as “wrong, mischievous and harmful” claims by an organized group of HIV deniers that the virus does not lead to AIDS. David Cooper, director of the National Centre in HIV Epidemiology and Clinical Research at the University of NSW, said the evidence tendered to the Supreme Court of South Australia by the so-called Perth Group lacked “any scientific validity” and endangered lives in Australia and the developing world.

    “Saying that HIV is not sexually transmissible is a tragedy for us in Australia who are trying to prevent people from getting sick,” said Professor Cooper, who is cited within the top 10 experts on HIV in the world. “It is a tragedy for the people in the developing world who might think they will not get sick after they read about these claims.”

    Professor Cooper gave evidence yesterday for the Director of Public Prosecutions in an appeal launched by Andre Chad Parenzee, 35, who has been convicted for knowingly exposing three women to HIV by having unprotected sex with them.

    For more than two weeks, representatives of the Perth Group have testified under oath that HIV does not lead to AIDS. Perth Group members Eleni Papadopulos-Eleopulos and Val Turner also claim HIV is not sexually transmitted and has never been properly isolated and identified in the lab. Professor Cooper, the first of up to eight prosecution witnesses, took the stand yesterday as part of a DPP move to debunk the claims. Up to six other HIV experts, including famous immunologist and former Australian of the Year Gustav Nossal, are expected to provide evidence.

    Professor Cooper’s facility leads clinical trials of new therapies and vaccines for HIV and he is head of the Immunology-HIV-Infectious Diseases Clinical Service Unit at St Vincent’s Hospital in Sydney. He has treated more than 2500 HIV-AIDS patients. He is author of more than 400 published scientific papers, mostly on HIV and AIDS, and is a past president of the International AIDS Society. Professor Cooper is also chair of the AIDS vaccine advisory committee of the World Health Organization and UNAIDS. He said he had read some transcripts of the evidence of the Perth Group in the appeal and was also familiar with their work as a HIV skeptic group dating from the late 1980s.

    “We believe that their statements are wrong, mischievous and harmful,” he said. Professor Cooper was asked to respond to the Perth Group’s central claim that HIV has never been properly identified, or “does not exist”.

    “To say that it doesn’t exist is just scientific mis-truth,” he said.

    He said HIV had been identified by three methods since its discovery in the 1980s and the most effective modern method was using molecular biology to identify its genetic sequence.

    The case continues.

    Cordiali saluti

    Marco

  2. Lorenzo Grossini ha detto:

    Direi interessante, l’argomento era partito da un pretesto più faceto, ma pare sia diventato più serio. Vuoi anche fare un sunto per i non anglofoni?
    Cmq interessante la discussione del sito da te indicato a proposito di HIV=AIDS=Morte

  3. Roberto Santi ha detto:

    Sono un medico e da tempo dico che gli errori medici sono per gran parte frutto della (dis)organizzazione. Anni di potere moncratico dei Direttori Generali delle ASL e degli Ospedali hanno generato questo mostro che chiamiamo “malasanità”. L’organizzazione sanitaria è gestita in modo che i Politici abbiano il controllo su tutto. Questa è la ragione delle morti evitabili. Non voglio usare questo blog per farmi pubblicità. Ma ho già scritto due libri su questi temi. Io insisto in questa battaglia di civiltà. Spero di non restare ancora solo come sono stato finora.

  4. Lorenzo Grossini ha detto:

    Il tema mi pare estremamente interessante. Potresti (scusa se ti do del tu) spiegare cosa intendi precisamente con la frase: “L’organizzazione sanitaria è gestita in modo che i Politici abbiano il controllo su tutto”?

  5. Roberto Santi ha detto:

    Caro Lorenzo: il tu va benissimo. Allora il problema è questo.
    Il Direttore Generale (DG) di una ASL o di un Ospedale è nominato dall’Assessore Regionale, chiaramente espressione di un Partito o di una coalizione. Il DG nomina i responsabili (una volta detti primari) dei Reparti secondo il proprio intuito. Cioè non è tenuto a valutare il curriculum del medico: l’esperienza, il numero di interventi, le capacità… Semplicemente è sufficiente che un medico sia in reparto da 5 anni per poter essere nominato “primario”. Quel minimo di garanzia dei 5 anni di anzianità talvolta non è neppure rispettato. Succede quindi che il DG nomini “primari” solo persone gradite al potere politico espresso dall’Assessore. Conosco elcuni medici, meno bravi dei loro colleghi, che hanno fatto carriera perchè sono consiglieri comunali… In Liguria conosciamo il caso di una dottoressa diventata “primario” del Pronto Soccorso, senza avere i 5 anni di anzianità, dopo essere stata vista in atteggiamanti intimi con i Direttori (generale e sanitario). Dopo 10 anni di questo andazzo succede che in quasi tutti i posti di repsonsabilità ci sono solo raccomandati, talvota senza titoli… I medici bravi si demotivano.
    Capita abbastanza spesso che al cambio del DG cambino molti “primari”. Credo che basterebbe questo a far capire che qualcosa non va. Purtroppo anche i giornali ne parlano poco (la politica influenza anche loro) e tutti i sistemii di controllo di tipo amministrativo sono stati cancellati. I Sindacati si guardano bene dal rilavare le cose che non vanno e usano il potere del DG, condizionandolo a loro vantaggio, in cambio di una pax timorosa. Molti la pensano come me, ma la paura diffusa neii confronti di un Potere così grande, genera l’omertà che nasconde tutto (morti per errore, illegalità, mercimonio). Non so se sono stato chiaro. Fammi sapere

  6. Giacomo Montana ha detto:

    SOGGETTI POLITICI CHE DI POLITICO HANNO E FANNO POCO E NULLA
    AUTORE: Giacomo Montana

    “Malasanità/ Anestesia al posto di ossigeno: 8 morti in Puglia

    Si sta cercando di compredere se si tratta di errore umano, ma per il momento l’ospedale di Castellaneta, Taranto, è sotto sequestro.

    Le ripetute morti di pazienti negli ultimi giorni presso l’Unità di terapia intensiva coronarica, hanno fatto intervenire l’ufficio medico della ASL che ha verificato le vere motivazioni dei decessi. Secondo la struttura medica, infatti, i pazienti non erano in grado di sopravvivere a causa delle gravi condizioni di salute; invece, a seguito dell’appuramento ASL, veniva somministrato il protossido di azoto (anestesia) al contrario dell’ossigeno.
    Il centro, inaugurato solo 12 giorni fa, era in ritardo nell’entrata in funzione a causa della mancanza di cardiologi; facendo due conti, proprio da quando è entrata in funzione la macchina, è morto quasi un paziente al giorno.
    Dopo l’ultimo decesso di oggi, il necessario intervento dell’ufficio ASL che ne ha imposto il sequestro.
    S.S.”

    FONTE: http://www.liberoreporter.it/NUKE/news.asp?id=649

    Dietro alla malasanità con danni alla persona fino a procurarne la morte, ci sono strutture e pratiche sociopolitiche ben individuabili, ma comprendono anche meccanismi sostenuti nel tempo a forza di inerzie politiche dei quali il più delle volte risulta che di questo, l’opinione pubblica è stata tenuta quasi completamente allo scuro. Valori negativi dominanti di sotto bosco che germogliano alla grande e forme di disorganizzazione che in tante circostanze nel nostro Paese vengono lasciate completamente intatte come se si volesse dare vita a macchine di morte. Questo criminale sistema di completo abbandono del cittadino in difficoltà, spiega in larga misura perché si parla sia di malasanità che di morti bianche, due grosse piaghe del nostro Paese, solo quando ci scappa il morto e mai prima quando si potrebbero dispiegare delle forze di prevenzione e impedirne il criminale risultato estremo. Al contrario in parecchi casi si vede in azione il carattere e l’impostazione distruttiva dell’inerzia politica, carattere macroscopicamente sempre più evidente, che viene fatto emergere solo dopo ogni decesso causato al cittadino, lasciando al tempo stesso intatte le numerose forme di violenza nutrite soprattutto, ripeto ancora qui, dall’inerzia politica e il gigantesco inganno elettorale, quando al tempo stesso ci mettono nelle condizione di dovere fare eleggere alternativamente in Parlamento, sempre gli stessi individui che di politico hanno e fanno poco e nulla.

    Per vedere fatti prove di come si fa agire l’inerzia persino ai danni di una donna ridotta disabile e ammalata grave sul posto di lavoro in ospedale, è sufficiente visitare i seguenti indirizzi:

    http://sisu.leonardo.it

    http://agimurad.blogspot.com

    http://www.mobbing-sisu.com

  7. 2dipikke ha detto:

    ciao,

    mi accodo alla valanga di notizie utili dicendo che io invece ho scovato un video su http://www.lipodistrofia.info che tratta del problema della lipodistrofia per i malati di hiv.. secondo me è fatto molto bene e veicola l’informazione in maniera efficace… è assolutamente da far girare!!!

  8. If some one wants to be updated with newest technologies
    then he must be pay a quick visit this site
    and be up to date every day.

  9. Everything is very open with a very clear description of
    the issues. It was really informative. Your site is very helpful.
    Many thanks for sharing!

  10. Grape Diet program: Folks who have adopted this grape diet plan have reported weight loss.

  11. Forskolin Reviews ha detto:

    Hi there! I know this is kind of off topic but I was wondering which blog platform are
    you using for this site? I’m getting fed up of WordPress because I’ve had problems with hackers and
    I’m looking at options for another platform. I would be fantastic if you could
    point me in the direction of a good platform.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: